8 consigli per freelance: come far crescere la vostra attività online (su Fiverr e altri portali)

consigli per freelance

Hai aperto da un po’ il tuo profilo su un marketplace per liberi professionisti (tipo Fiverr) ma ancora non arrivano i clienti? Ecco dei consigli per freelance, perfetti per promuoverti e ottenere il massimo dalle tue competenze.

Di profili abbandonati online ce ne sono parecchi: chi vuole provare a lavorare da casa si iscrive, ma poi i clienti non arrivano. Per lavorare online, bisogna prima concentrarsi sulla creazione di contatti solidi o a breve termine ma redditizi, sia in termini di denaro che di pubblicità. Infatti, non hai bisogno di clienti soddisfatti solo per guadagnare soldi, ma anche per cominciare un network di relazioni che ti portino a stipulare nuovi contratti di lavoro.

Qualunque sia la tua attività online, il tuo cliente tipo o la piattaforma su cui sei iscritto, ci sono alcune pratiche strategie da adottare se si vuole allargare il raggio di azione.

Continua a leggere se vuoi conoscerle.

8 consigli per freelance: come far crescere la vostra attività online (su Fiverr e altri portali)

8 consigli per freelance

Ecco di seguito la lista dei migliori consigli per migliorare e perfezionare la presenza di ogni freelancer sul web.

Pronto? Si parte!

1. Cura il profilo sul marketplace o il tuo CV online

Che tu sia iscritto a Fiverr, a Guru, a Freelancer o qualsiasi altra piattaforma online dedicata ai liberi professionisti, non lasciare il tuo profilo a prendere polvere. Aggiornalo ogni volta che serve. Ecco i principali dettagli che non devi tralasciare:

  • NOME: il tuo nome compare per primo sul profilo. Se puoi, inserisci il tuo nome di battesimo. Se il sito richiede un nickname, scegline uno facile e serio. Niente doppi sensi, nomignoli che ti danno i tuoi amici, simboli o parole eccessivamente difficili da ricordare. Se un tuo cliente vuole consigliarti a un collega, deve ricordarsi come ti chiami e l’altro deve trovarti con facilità.
  • BIOGRAFIA: scrivi di te in modo chiaro e coinciso, sottolineando i tuoi punti di forza e tralasciando le informazioni irrilevanti.
  • CERTIFICAZIONI E ABILITÀ: non dimenticare di aggiungere un plus al tuo profilo. Ciò che davvero ti differenzia dagli altri freelance è il tuo percorso formativo e ciò che puoi fornire in più al cliente. Se il sito lo prevede, porta a termine dei quiz e guadagna dei badge per ogni skill che acquisisci. Approfitta dei corsi a basso prezzo o gratuiti, non solo per imparare, ma anche per dimostrare a chi visita il tuo profilo che hai approfondito un certo argomento.
  • SERVIZI: scrivi chiaramente cosa offri, in che tempistiche e a che prezzo. Aggiungi più dettagli possibili, non solo per essere esaustivo, ma anche per aiutare i motori di ricerca a trovarti più facilmente. Ricorda di aggiornare questa parte del tuo profilo e creare promozioni per i tuoi clienti. Li invoglierai a tornare.
  • PORTFOLIO: se possiedi un portfolio, rendilo pubblico.

Non concentrarti, inoltre, solo su un sito per freelance: iscriviti a più di uno, ma senza esagerare. Scegline al massimo tre, crea i tuoi account e presta attenzione alle richieste che ti arrivano. Non solo: pubblica annunci su marketplace come Subito o Kijiji che prevedono degli spazi dedicati al lavoro.

In ogni caso, il più famoso sito per freelancer in assoluto è Fiverr, che consiglio su tutti.
Leggi le guide al suo utilizzo che ho preparato apposta per te:

2. Professionalità, pazienza e un’ottima immagine prima di tutto

Il cliente ha sempre ragione. Vale anche online.

Se un tuo cliente lascia una recensione negativa, critica il tuo lavoro o anche la tua persona, ricorda di mettere sempre al primo posto la buona educazione. Saper gestire bene le crisi non è da tutti. Evita risposte sgarbate in chat, sapendo che esiste il sistema dello screenshot: qualsiasi cosa scrivi, resta e può essere usata contro di te.

Non rispondere aggressivamente alle recensioni negative: sii diplomatico, ma senza farti schiacciare. Se un tuo potenziale cliente legge una recensione negativa, ma anche un tuo commento professionale, potrebbe pensare che ad avere torto sia chi ti ha criticato.

Se poi un cliente vuole che tu modifichi mille volte il lavoro perché non è soddisfatto, cerca di accontentarlo, ma sempre con un occhio al vostro brief preliminare: se qualcosa non è stato accordato prima di effettuare l’ordine, allora cercate di trovare un accordo successivamente.

Dialogare giova a entrambi: affinché il cliente sia soddisfatto e per guadagnare una recensione positiva sul tuo profilo. Ricorda: educazione, dialogo e trasparenza.

3. Coltiva i tuoi clienti esistenti

Se decidi di creare una promozione, ad esempio offrendo i tuoi servizi a un prezzo minore o con più agevolazioni, fallo sapere ai tuoi clienti già presenti nella tua rete. Quando collabori con qualcuno, chiedigli la mail o il numero di telefono e invia degli avvisi quando proponi qualcosa di nuovo.

Scrivi messaggi coinvolgenti e che illustrino i vantaggi che offri. Parla con un cliente che collabora con te da tempo, chiedigli di condividere il tuo profilo e di consigliarti ai suoi collaboratori: potresti incontrare nuove opportunità.

4. Esci dal marketplace: conquista i social e il tuo blog

Prendersi cura del profilo sul marketplace non basta: devi creare la tua presenza sia online che sui social. Il modo migliore per costruire uno spazio in rete è aprire un tuo sito web, se ancora non lo hai fatto.

A tal proposito, l’articolo qui sotto è proprio quello che ti serve:

Ricorda che il tuo sito è come un negozio in cui metti in vetrina la tua esperienza, le tue abilità e ciò che offri ai clienti. Cura al meglio ogni pagina in modo che sia bella da vedere e facile da usare.

Crea, inoltre, dei contenuti extra: questa strategia prende il nome di content marketing e serve per attirare l’attenzione di un pubblico più ampio. Se sei un avvocato che offre consulenze legali, puoi, ad esempio, scrivere articoli semplici e chiari su come risolvere delle controversie o riguardo un argomento che incontri spesso durante la tua giornata lavorativa. Se sei uno scrittore, puoi creare dei podcast o dei video con dei consigli di scrittura. Un professionista proveniente dall’ambito del marketing potrebbe pubblicare un ebook gratuito con tutti i consigli per promuovere un’attività online.

Anche in questo caso di consiglio di capirne di più sul content marketing in questo articolo:

Un altro luogo dove puoi presentarti al meglio sono i social network: non solo LinkedIn, la piattaforma dove racconti le tue esperienze e le tue abilità, ma anche su tutti gli altri. Per prima cosa, devi capire quale piattaforma, in base alle sue caratteristiche, è in linea con la tua professione. Se sei un graphic designer, Instagram e Pinterest sono i luoghi migliori dove pubblicizzare i tuoi lavori, basati soprattutto sull’estetica. Se sei un avvocato, Facebook e LinkedIn possono fare per te per presentarti: LinkedIn, ovviamente, perché è il social network più professionale e dedicato al lavoro, Facebook perché puoi raggiungere molte più persone e appartenenti a diversi target, ma perlopiù adulte. Approfondisci la conoscenza dei vari social network e individua quelle caratteristiche di ognuno che possano mettere in evidenza il tuo business.

Ricorda, inoltre, che con pochi euro puoi promuovere la tua attività e raggiungere un pubblico più vasto ma anche mirato.

5. La SEO aiuta

Quando parli di te e dei servizi che offri non farlo come se stessi scrivendo un messaggio o una mail. Ragiona su ciò che potrebbero cercare i tuoi potenziali clienti che necessitano di un tuo servizio. Individua le parole chiave e inseriscile nel tuo annuncio. Se offri dei servizi fotografici, prova a pensare a cosa cercherebbe un tuo cliente online. Inserisci dunque nel tuo annuncio frasi come “fotografo per matrimoni”, “offro servizio come fotografo per book”, “fotografo per aspiranti modelle” ecc.

Non solo negli annunci: utilizza la SEO (ovvero, scrivi ogni tuo contenuto in modo che i motori di ricerca ti trovino più facilmente, utilizzando parole chiave e frasi pertinenti alla ricerca) anche nella tua biografia, negli annunci e in altri contenuti che pubblicherai per attirare i tuoi clienti.

Aiutati con tools gratuiti di keyword research: Google Trends, QuestionDB, AnswerThePublic sono solo alcuni esempi di software che ti aiutano a capire cosa cercano gli utenti quando hanno bisogno di un freelance come te.

Quindi, una volta individuate le parole chiave, inseriscile nei tuoi contenuti. Questa strategia ti renderà più competitivo, ma ti fornirà anche un aiuto per creare articoli, video, podcast, annunci molto più efficaci.

6. Crea un network

Se sei nuovo nel mondo dei freelance online non puoi aspettarti che siano i clienti a venire da te. Certo, un piccolo numero cercherà i tuoi servizi sul browser e forse ti troverà, ma il resto del lavoro sarà nelle tue mani. Cercare lavoro è in se stesso un lavoro.

Una volta creato un profilo su un marketplace, condividilo sui tuoi canali social. Magari, tra i tuoi contatti, trovi già qualcuno che ha bisogno di un tuo servizio.

Cerca gli annunci online e candidati: digita su Google la tua professione o un tuo servizio e rispondi a quelle richieste che trovi su internet.

Usa LinkedIn: pubblica articoli sul tuo lavoro, anche non prettamente legati ai servizi che offri. Segui professionisti nel tuo campo, aggiungili alla tua rete e commenta i loro contenuti. Se trovi il profilo di qualcuno che potrebbe avere bisogno di te, non esitare a contattarlo. Scrivi un messaggio educato, breve e coinvolgente.

Chiedi ai tuoi clienti di condividere i tuoi servizi sui loro profili social.

Cedi i lavori che non ti competono: se un cliente richiede un servizio che tu non offri, contatta un altro freelance e offrigli il lavoro. In questo modo, se dovesse succedere la stessa cosa a un altro professionista, potresti guadagnare un cliente solo grazie alla tua gentilezza. Bisogna supportarsi a vicenda online: segui altri freelance e invitali a seguirti, condividi i loro contenuti e spingi gli altri a fare lo stesso.

7. Non sottovalutare l’offline

Sicuramente internet offre degli strumenti imbattibili per autopromuoversi e creare contenuti accattivanti. Esistono, però, alcuni piccoli accorgimenti per rendersi visibile anche fuori dalla rete.

I biglietti da visita rendono più professionale la vostra attività. Questi utili strumenti vanno poi consegnati alle persone interessate a eventi di settore, fiere, corsi di formazione o incontri. Impiega del tempo per partecipare a questi convegni: non solo potete imparare nuove cose, circondarvi di altri professionisti come voi, ma saranno dei luoghi ideali per entrare in contatto con potenziali clienti.

Affidati anche ai mezzi di comunicazione della tua zona: contatta direttamente dei commercianti o professionisti nelle tue vicinanze e chiedi gentilmente se hanno bisogno di un tuo servizio; scrivi a un giornale locale e cerca di aggiudicarti uno spazio per un tuo annuncio; crea dei volantini belli e professionali e consegnali in negozi o caselle postali.

Ovviamente, ragiona su ciò che offri e cerca la soluzione che più si adatta a te. Individua il tuo pubblico e ragiona su come raggiungerlo efficacemente anche senza affidarti a internet.

8. Curate la concorrenza e se serve…copiate

Stare al passo con i tempi è fondamentale. Se non riesci a “stare davanti” ai tuoi competitors, allora prendi spunto da loro: non solo nel tuo ambito, ma anche al di fuori, troverai sempre professionisti che hanno elaborato delle strategie di marketing efficaci per autopromuoversi. Copia. Non sei più a scuola, copiare è lecito.

Leggi ogni giorno dei blog simile al tuo, cerca annunci dei competitors e tieni a mente ciò che ti ha colpito di più. Tenersi aggiornati è fondamentale per non sembrare obsoleti.

Hai letto tutti i consigli per freelance? Ci siamo!

Costruire una presenza sul web richiede tempo e costanza.

Non abbatterti se non ottieni subito i risultati sperati: migliorati giorno dopo giorno e raggiungi il successo grazie agli 8 consigli per freelance che trovi qui sopra.

Se hai bisogno di aiuto, chiedi pure. Usa il form qui sotto!

Continua a studiare il mondo del freelancing online: comincia da qua.

A presto!

Crediti immagini: Unsplash, Freepik by Stories

nv-author-image

Dario De Micheli

Imprenditore digitale, Blogger, Investitore, Digital Designer. Qualcuno mi chiama "multipotenziale", a me piace di più definirmi "Renaissance person". Posso offrirti una consulenza per crearti un business online. Altrimenti scopri chi sono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *