Partnership con blog per aziende: come scegliere i giusti content marketer

partnership con blog

Nel mio lungo percorso da blogger ne ho viste davvero tante:

  • aziende che non credono al valore del content marketing (che razza di stregoneria è mai questa?!)
  • altre che si aspettano che lavori gratis per loro (massì… per due parole in croce su uno schermo bisogna pure pagare?)
  • altre ancora che si mostrano interessate e poi scompaiono nel nulla (alla faccia della professionalità)
  • […]

La lista può essere davvero lunga, ma il mio obiettivo oggi non è elencarti i comportamenti di aziende poco virtuose nei confronti di blogger.

Di cosa ti parlerò quindi?

Partiamo da questa assunzione: sei un imprenditore o lavori in un’impresa che vuole puntare su contenuti di massimo valore. Insomma, non fai parte di una delle aziende da evitare che ho elencato qui sopra.

Dico bene? Allora questo articolo fa per te.

Quello che voglio fare, oggi, è spiegarti in maniera chiara e semplice quali sono i criteri che dovrai adottare nella scelta di un content marketer per creare partnership con il suo blog e aiutare la tua azienda nella sua espansione.

Partnership con blog per aziende: i 6 criteri per una scelta vincente

partnership con blog per aziende: come scegliere il blogger giusto

Ci siamo, sto per elencarti i criteri più importanti nella scelta di un blogger per contenuti sponsorizzati per la tua azienda.

Cominciamo.

1. Il traffico è una metrica importante, ma non fondamentale

Un blog che registra migliaia di visite mensili è senz’altro un buon medium su cui puoi fare affidamento, ma ricorda: le visualizzazioni non sono l’unica cosa che conta (in un certo senso possiamo paragonarle alle vanity metrics dei social). I fattori realmente importanti che devi tenere in considerazione sono engagement e nicchia di riferimento in target rispetto al contenuto che vuoi produrre. Il segreto è mostrare i tuoi prodotti o servizi a reali acquirenti potenziali. Ti lancio una provocazione: apriresti un negozio di ghiaccioli in Alaska?

2. Esplora gli altri articoli del blog per capire lo stile comunicativo

Blogger che trovi, stile comunicativo che trovi. Ognuno comunica a modo suo (e per fortuna, oserei dire). Le tecniche di copywriting sono un aspetto fin troppo sottovalutato per la vendita online. Eppure convertono incredibilmente, a patto che siano di qualità, sia chiaro. Il mio blog Nut For Me (quello che stai leggendo in questo momento) ha uno stile comunicativo chiaro, semplice ma al tempo stesso professionale. Per questo piace alle aziende che scelgono di collaborare con me con articoli sposorizzati.

3. Non andare al risparmio, per nessuna ragione al mondo

Un professionista che si rispetti va pagato. Non per etica o altro, ma semplicemente per i risultati che apporta al tuo mercato. Come per qualsiasi prodotto fisico, anche per i prodotti digitali vige la regola del “ottieni quello che paghi“. Saresti disposto a pagare un computer 200 euro? Sono sicuro di no, perché riconosci il valore associato alla qualità di un computer, e 200 euro sono davvero troppo pochi soldi per un prodotto di quel tipo. Un articolo long post di 2000 parole in questo blog ha un prezzo di 525 €, ma un valore intrinseco incredibilmente più alto. Quello che garantisco sono brand trust, posizionamento e guadagni nel lungo termine, oltre a offrire backlink di altissima qualità. Pagando briciole otterrai briciole.

4. Scegli qualcuno per collaborazioni di lungo termine.

Trovato un content creator affidabile, perché collaborare con altri? Scegli il tuo cavallo vincente e continua a puntare su quello. Sarà quello che ti garantirà la vittoria nella maggior parte delle corse. È anche una regola d’oro del business: focalizzati sul core business ed elimina tutto quello che non porta risultati. Sparando nel mucchio aumenti le possibilità di risultati positivi di pari passo con quelli negativi. Il mio consiglio è di non dissipare il denaro ma di mettere le uova in un unico paniere.

5. Controlla con quali altre aziende il blogger ha collaborato.

Esplora il sito del content creator in cui hai individuato una potenziale partnership strategica. Ha collaborato con aziende conosciute e di valore per le persone? Sono aziende affini al mercato di riferimento della tua azienda? Se la risposta a entrambe le domande è sì, allora sei sulla strada giusta: è evidente che anche questi competitor hanno individuato un valore intrinseco nel blogger e hanno deciso di investirci. Avanti tutta.

6. Investi in capitale umano

Sembrerà una banalità, ma fidati del tuo istinto quando scegli di fare una partnership con un blog. Scrivi all’autore, valuta se è un missionario o un mercenario (ringrazio Jeff Bezos per avermi fatto scoprire queste due terminologie, che adoro). Capisci se stai parlando con una persona che ci tiene a quello che fa. Se mette al primo posto il lettore e il cliente. Se è puntuale nelle risposte, cordiale, affidabile. Sono i fattori che ripagano più di tutti, perché questi valori saranno presenti anche nel contenuto che il creator produce.

Collabora con un blog del settore business e marketing

Ora che sai gli aspetti più importanti per creare partnership con blog per la tua azienda, è finalmente arrivato il momento di cominciare a trovare il collaboratore perfetto.

Che ne dici di sentire cosa posso offrirti io, prima di tutto?

Scrivimi una email a demichelidario@gmail.com, sarò felice di risponderti e di proporti la giusta soluzione per la tua impresa, per aiutarti a portare valore al brand e a guadagnare di più.

Si tratta di un arrivederci, quindi?! Ci conto.

A presto,

Dario

Crediti immagini: Unsplash

nv-author-image

Dario De Micheli

Imprenditore digitale, Blogger, Investitore, Digital Designer. Qualcuno mi chiama "multipotenziale", a me piace di più definirmi "Renaissance person". Posso offrirti una consulenza per crearti un business online. Altrimenti scopri chi sono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *